Accademia Scinthilla

Piccola guida per camminare al buio (o in momenti di cambiamento)

– stai al centro di te stesso, non nella testa ma nel cuore, respira da lì

– immaginati appeso al cielo, ti sostiene, non puoi cadere

– concentrati sui piedi, non sottovalutarli, sanno come camminare

– amplifica i sensi, vai a caccia di segnali deboli, sono loro a doverti guidare

– rinunci, rinuncia, rinuncia a vedere con gli occhi! Allora ti apparirà una tenue scia luminosa: fidati, seguila

– non usare le braccia per proteggerti da eventuali ostacoli, usale per abbracciare lo spazio e il buio. Resta aperto

– non pensare a quanti passi mancano alla tua meta, concentrati sul prossimo passo che devi fare e fallo in maniera impeccabile

– sarà il suono del passo a dirti se sei ancora sul sentiero giusto, non la tua mente o il tuo dialogo interiore

– ascolta i tuoi piedi

– guarda in alto, il cielo per quanto buio è sempre più luminoso del terreno

– quando ti senti davvero in difficoltà, fermati e cerca di capire se la difficoltà è lì con te (nel presente) o se è nei prossimi passi (nel futuro). Resta fermo, finché non sei certo di portare con te solo il presente

– ricordati che il momento più buio della notte si dissolve come per magia nell’alba

Buon cammino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *